"Quant ul marì giace ......"
da " OCCIO ADA .... VARDA IDA ...."
Commedia dialettale brillante in tre atti di
Giorgio Tosi e Antonio Menichetti 
Libero adattamento a cura de "I Ruzanivul"



Due sorelle acide e invadenti, una povera e avvenente vedova con due pretendenti pronti a consolarla.
Un vecchio padre un po fuori di testa, ,... ma non troppo e una nipote sveglia e compiacente.
Un fratello "astemio" e facile da condizionare, con una moglie che lo comanda a bacchetta.

Per la povera vedova la storia non può che essere a lieto fine, perchè si sa:
"Quant ul marì giace .......                         
                                                   ........ la miè la si da pace"